facebook
instagram
whatsapp

Magazzini Musicali

Insert title

Insert a subtitle

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
09341990641
info@magazzinimusicali.it
logomagazzinimusicalipng
fb_img_1479124925948.jpeg

Insert title

Insert a subtitle

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

Insert title

Insert a subtitle

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Via Filippo Paladini 109/111, 93100 Caltanissetta
flauto-dolce-base.jpeg

I Segreti Per Accordare La Grancassa

15-10-2021 19:21

Magazzini Musicali

grancassa, grancassa,

I Segreti Per Accordare La Grancassa

Leggi Articolo

 

 

 

 

 

Consigli utili per l’accordatura -Grancassa

 

Accordare il nostro strumento non è una cosa semplice. Passiamo tutto il tempo dietro di esso e quindi la nostra percezione rispetto a quella del pubblico è incredibilmente diversa. Qui di seguito alcuni passaggi per aiutarvi a ottimizzare il suono della grancassa, ottenendo un suono che possa soddisfare voi e chi assiste ai vostri concerti.

PREPARAZIONE ALL’ACCORDATURA

Quale pelle frontale usare.

Usare una pelle con il foro o senza? La risposta giusta risiede nel suono, nella tecnica utilizzata e anche nella necessità o meno di microfonare la grancassa. Se usate una tecnica del pedale che vi porta a staccare il battente dalla pelle (tecnica foot/leg) una resonant senza foro potrebbe essere la scelta migliore. Otterrete un suono più tondo e ricco di frequenze basse e con un decay più lungo.

Al contrario, se desiderate un suono che enfatizzi l’attacco del battente montate una pelle con un foro di diametro massimo 5 pollici.
Molto spesso in situazioni live, e non solo, montare una resonant senza foro potrebbe scatenare le ire del fonico di turno, ma con cortesia e determinazione spiegategli le vostre necessità sonore, convincetelo a non improvvisarne uno con il suo taglierino e consigliategli di posizionare due microfoni, uno per la pelle risonante ed uno per quella battente per non perdere l’attacco.

Come e quanto smorzare il suono.

Cuscini, coperte, strisce in feltro, etc…come nota generale pensate al luogo in cui andrete a suonare, prima di riempire la cassa con un piumone invernale!
Nella maggior parte dei casi in situazioni live non è necessario uno smorzamento drastico. Se si è in studio di registrazione potrebbe invece servire qualche aiuto in più, specialmente per casse da 22″o 24″. In ogni caso non esagerate mai e permettete al vostro strumento di respirare.
Come abbiamo visto nell’articolo dedicato all’accordatura dei toms, ancora una volta la partita si gioca tutta sulla proiezione e tono.
Tenete a mente che una grancassa pesantemente sordinata potrebbe suonare incredibilmente bene dal vostro punto di ascolto, in particolare se state suonando in tutta solitudine in una piccola stanza con pareti nude o con qualche pannello fonoassorbente. Tuttavia, una volta inserita in un contesto live con la vostra band, le frequenze basse potrebbero perdersi irrimediabilmente nel mix.
Il mio consiglio è quello di utilizzare non più di un paio di asciugamani arrotolati, da disporre sul fondo della cassa facendoli aderire alla parte bassa di entrambe le pelli.
Se usate una resonant senza foro, allora l’opzione migliore sarebbe posizionare un cuscino non molto grande che tocchi entrambe le pelli in corrispondenza della base inferiore.

Posizionare le pelli.
Prima di tutto posizionate la pelle e stringete i tiranti a coppie contrapposte con le vostre dita. Successivamente salite in piedi (senza scarpe) sul centro di essa per allungarla. Una volta eseguito questo passaggio, scendete e controllate che tutti i tiranti siano ancora stretti, in caso contrario ristringeteli sempre e solo usando le dita.
Solitamente se avete montato pelli nuove dopo questa operazione troverete quasi certamente uno o due tiranti un po allentati. Se state utilizzando una pelle risonante con buco frontale, salirci su potrebbe essere una mossa un po’ azzardata. Se il buco è decentrato sarà sufficiente esercitare una pressione sul centro premendo semplicemente con le mani. Se il foro è centrale (cosa oramai alquanto rara) dovrete saltare questo passaggio.

ACCORDATURA

Generalmente è opportuno iniziare dalla pelle battente con quella risonante smontata.
Ancora una volta, dopo aver pretensionato i tiranti usando esclusivamente le dita, premete al centro della pelle con il palmo della mano e rimuovete tutte le pieghe compiendo con la chiavetta il solito movimento incrociato.
Dopo questa operazione, continuate a stringere progressivamente compiendo questa volta solo 1/2 giro. Quando avrete raggiunto un tono soddisfacente controllate che tutti i tiranti abbiano la stessa accordatura, ma senza stressarvi troppo.
Ripetete la stessa procedura per la pelle risonante e posizionate i due asciugamani dentro la cassa e adiacenti alle pelli.
Dopo aver messo la grancassa a terra e aver montato il pedale, siamo pronti a perfezionare l’accordatura. Da questo punto in poi la cosa diventa estremamente interessante poiché la resonant è la pelle maggiormente responsabile ai fini di ottenere un buon suono finale.
L’idea è quella di sviluppare un risultato soddisfacente sia per voi che suonate che per coloro che vi ascoltano. E’ utile inginocchiarsi di fianco alla cassa mantenendo la testa sulla parte frontale e, provando ad azionare il pedale con la punta del piede o anche con la vostra mano, rifinite l’accordatura. Ovviamente la cassa sarà colpita con una intensità e modalità completamente diverse in una situazione reale, ma almeno così avrete la possibilità di farvi un’idea del suono, tono e risonanza generale.
Tendendo la pelle risonante noterete due cose. In primo luogo, e non a caso, il pitch generale inizierà a salire e, la cosa più importante, noterete che la chiarezza e la definizione del suono migliorerà. Al contrario, non tendendola molto otterrete un suono poco definito e con molte frequenze basse. In conclusione, se amate un suono compresso ed incisivo come regola generale la risonante dovrebbe essere un po’ più tesa della battente.

Utilizzate questo sistema come una semplice base da cui partire e siate pronti a sperimentare. Provare accordature e pelli differenti vi aiuterà ad ottenere il suono desiderato. In bocca al lupo!

Insert title

Insert a subtitle

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder